img

L'Ordine dei Medici di Torino a Papa Francesco: non siamo sicari

"Come medici rispettiamo e non giudichiamo ogni decisione delle persone. Alcuni di noi mettono a disposizione la loro professionalità per garantire che la scelta, sempre dolorosa, della donna o delle coppie, non sia gravata dall’abbandono dell’assistenza sanitaria. Vogliamo credere che il termine “sicari” non sia espressione del Suo sentimento nei confronti dei medici e tanto meno nei confronti di chi è chiamato ad applicare la legge".

Così l’Ordine dei Medici di Torino risponde a Papa Francesco che qualche giorno fa in una udienza generale ha usato il termine “sicari” per definire i medici che applicano la legge 194/1978 dello Stato Italiano.

Un pensiero, quello espresso dall'Ordine del capoluogo di regione piemontese, ampiamente condiviso dal presidente dell'Ordine dei Medici di Isernia, Fernando Crudele.

Qui sotto la lettera a firma del Presidente OMCeO Torino, Guido Giustetto.