img

"Basta scippi al territorio, giù le mani da Senologia": la protesta approda in consiglio regionale

ISERNIA. Per la prima volta hanno rivendicato la validità della legge dei numeri che, se da un lato ha penalizzato i presidi sanitari ed istituzionali della provincia di Isernia, oggi certifica la piena operatività del Centro di Senologia presso l’ospedale Veneziale.

Un presidio che, quindi, va salvaguardato se non addirittura potenziato.

Questo il senso della protesta del Comitato spontaneo, denominato ‘In seno al problema’, nato per la salvaguardia del reparto esistente al nosocomio pentro, ad oggi declassato da centro servizi ad ambulatorio.

Una protesta portata in Consiglio regionale, dapprima come sit-in dinanzi a palazzo D’Aimmo e poi nell’aula consiliare.

“Le nostre istanze – ha affermato un membro del Comitato - partono dal presupposto che le ragioni alla base di questo dimensionamento sono prive di senso.

Al Veneziale, in particolare presso il Centro di Senologia, giungono pazienti anche da fuori regione, con interventi che, per quantità, superano quelli eseguiti nanche a Campobasso.

A questo punto, siamo noi ad invocare il rispetto della logica dei numeri”.

Parole cui il governatore Donato Toma ha dato riscontro, manifestando la disponibilità a discutere la questione della salvaguardia del reparto nel corso di un tavolo tecnico, cui invitare lo stesso Comitato.

Disponibilità che potrebbe essere maggiore – ha lasciato intendere il presidente – se lo stesso fosse investito del ruolo di Commissario ad Acta per la sanità.

L’argomento è stato affrontato in assise anche per una mozione presentata dal Pd e annunciata nei giorni scorsi dalla federazione provinciale pentra dem.

Intanto, ieri – sulla scorta di quanto accaduto al Comune di Isernia – pure l’ assise provinciale di palazzo Berta ha approvato un ordine del giorno per esprimere contrarietà al declassamento di Senologia al Veneziale e per chiedere, di contro, il ripristino del servizio nella sua preesistente veste.

Fonte: articolo pubblicato su Isnews.it