img

Corso ASReM e Omceo Isernia sulla Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno

Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno: una patologia altamente sottovalutata nel nostro paese. In Italia, infatti, solo il 17% dei pazienti affetti dal disturbo è sottoposto a terapie adeguate.

Eppure le complicanze per la salute possono essere gravi o addirittura letali. Non solo infarti, ictus e fibrillazioni: questa sindrome è causa del 22% degli incidenti stradali in quanto può provocare colpi di sonno alla guida poiché impedisce un adeguato riposo notturno.

Su questo tema si è stato incentrato  svolto il Corso ECM: “Sindrome Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS): la Pandemia Silenziosa. Fattori di Rischio e Sicurezza”, svoltosi il 9 e il 16 ottobre 2018, organizzato dall’ASReM con il patrocinio dell’ISDE (Associazione Medici per l’Ambiente) e dell’Ordine dei Medici di Isernia.

Il Responsabile Reparto Otorino dell’Ospedale di Isernia Gianluca Ciammetti, relatore dell’evento, ha evidenziato in un’intervista rilasciata alla TGR l’importanza di una visita specialistica in otorinolaringoiatria per la diagnosi di questo disturbo.  

Video Correlati