img

Giornata nazionale del sollievo, Anelli: aiutare il malato sempre, anche quando non può guarire

“Accogliere il malato anche quando non può guarire, sollevarlo dal dolore, alleviare la sua sofferenza sono molto di più che meri precetti del Codice di Deontologia Medica, sono azioni che fanno parte dello stesso Dna del medico”.

Così Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, la Fnomceo, dichiara in vista della XVII Giornata nazionale del Sollievo, che, promossa dalla Fondazione nazionale “Gigi Ghirotti” con il sostegno  del Ministero della Salute e dalla Conferenza delle Regioni,  si svolgerà domenica 27 maggio in tutta Italia.

“Ce lo chiede il nostro Codice Deontologico, che, all’articolo 16, specifica come  “Il controllo efficace del dolore si configuri, in ogni condizione clinica, come trattamento appropriato e proporzionato. 

E, all’articolo 39, ribadisce che: “Il medico non abbandona il malato con prognosi infausta o con definitiva compromissione dello stato di coscienza ma continua ad assisterlo e se in condizioni terminali impronta la propria opera alla sedazione del dolore e al sollievo dalle sofferenze tutelando la volontà, la dignità e la qualità della vita” – continua Anelli – Ce lo chiede, ancor prima e ancor più forte, la nostra coscienza, il nostro stesso essere medico, la nostra missione di curare anche quando non si può guarire”.

“Sicuramente il prendersi cura delle persone è un momento importante di crescita professionale, oltre a essere un punto di sintesi tra l’aspetto curativo e l’aspetto terapeutico – continua Fulvio Borromei, componente del Comitato Centrale Fnomceo e Coordinatore del Gruppo di Lavoro Fnomceo sulle Cure palliative -. Il trattamento del dolore rappresenta il filo rosso che lega i medici alle altre professioni sanitarie, ai pazienti, ai cittadini perché tutti  possano sentirsi accolti, tutelati e protetti”.

E anche quest’anno l’Ordine dei medici di Ancona, del quale Borromei è il presidente, organizzerà il tradizionale Convegno nazionale dedicato alle Cure palliative, giunto ormai alla quinta edizione. Sotto i riflettori, quest’anno, ci saranno due patologie degenerative: la Sclerosi Laterale Amiotrofica e l’Insufficienza renale cronica. Clicca qui per leggere il programma